Agenda del Sindaco

9 Febbraio 2021

10 FEBBRAIO 2021, GIORNO DEL RICORDO

10 FEBBRAIO 2021, GIORNO DEL RICORDO
Il 10 febbraio di ogni anno, dal 2004, si commemorano le vittime dei massacri delle foibe e il dramma dell’esodo giuliano dalmata, con la giornata del ricordo. Essa venne istituita con la legge 30 marzo 2004 n. 92, pubblicata in Gazzetta Ufficiale il 13 aprile 2004.

La data prescelta è il giorno in cui, nel 1947, furono firmati i trattati di pace di Parigi, che assegnavano alla Jugoslavia l’Istria, il Quarnaro, la città di Zara con la sua provincia e la maggior parte della cd. Venezia Giulia.

L’art. 1 della legge afferma che la Repubblica riconosce il 10 febbraio quale “Giorno del ricordo” al fine di conservare e rinnovare la memoria della tragedia degli italiani e di tutte le vittime delle foibe, dell’esodo dalle loro terre degli istriani, fiumani e dalmati nel secondo dopoguerra e della più complessa vicenda del confine orientale.

L’art. 2 precisa che in tale giornata sono previste iniziative per diffondere la conoscenza dei tragici eventi presso i giovani delle scuole di ogni ordine e grado ed è altresì favorita, da parte di istituzioni ed enti, la realizzazione di studi, convegni, incontri e dibattiti in modo da conservarne la memoria.

LE FOIBE

Nel corso del settembre-ottobre del 1943 e, in misura molto più ampia, durante la primavera del 1945, le foibe rappresentarono il simbolo di una tragedia spaventosa che colpì la popolazione giuliano-dalmata, quando alcune migliaia di persone (circa 6-7mila) vennero uccise dai partigiani di Tito ed i loro corpi furono gettati in parte in queste voragini, in parte nelle fosse comuni o in fondo all’Adriatico, oppure non tornarono dai vari luoghi di prigionia.

Elemento comune di questo dramma fu la quasi totale mancanza di notizie delle persone deportate che sparirono senza lasciare traccia, per cui nel tempo si è consolidato l’uso del termine «foiba» nel suo significato soprattutto simbolico, come paradigma di una vicenda molto più ampia, a prescindere dal luogo esatto e dalle specifiche modalità che interessarono le singole uccisioni.

Il termine «foiba» divenne nel tempo rappresentativo della fine di tutte le migliaia di persone scomparse senza dare più notizia di sé, uccise a seguito di due distinte ondate di violenza scatenate da elementi del Movimento Popolare di Liberazione jugoslavo. Molti vennero fucilati o comunque eliminati durante la loro deportazione, altri cessarono di vivere per malattia, per stenti o per le esecuzioni sommarie di cui furono vittime nei lunghi periodi di detenzione nelle carceri o nei campi di concentramento nelle varie regioni della Jugoslavia.

Non indifferente è in particolare il numero di coloro, che dopo il loro arresto, furono uccisi anche parecchi mesi dopo la fine della guerra dagli organi di polizia jugoslavi.

La foiba di Basovizza è il memoriale per tutte le vittime degli eccidi del 1943-45, figura e simbolo di tutti i drammi che hanno segnato le vicende del confine orientale al finire del secondo conflitto mondiale.

Ultimi articoli

Agenda del Sindaco 13 Aprile 2021

SOSTEGNO TARI: L’AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI MONTECORVINO PUGLIANO DESTINA FONDI COVID PER AIUTARE LE ATTIVITÀ PRODUTTIVE CHE SONO RIMASTE CHIUSE  

SOSTEGNO TARI: L’AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI MONTECORVINO PUGLIANO DESTINA FONDI COVID PER AIUTARE LE ATTIVITÀ PRODUTTIVE CHE SONO RIMASTE CHIUSE   IL SINDACO CHIOLA «SIAMO VICINI AGLI IMPRENDITORI FORTEMENTE PENALIZZATI DALLE RESTRIZIONI DELLA PANDEMIA».

Agenda del Sindaco 8 Aprile 2021

A TORELLO NASCE LARGO SAN BARTOLOMEO: OGGI L’INAUGURAZIONE

A TORELLO NASCE LARGO SAN BARTOLOMEO: OGGI L’INAUGURAZIONE Si sono conclusi i lavori di riqualificazione della piazza alla frazione di Torello.

torna all'inizio del contenuto